sergiofara

07 Febbraio 2021

Nessun commento

Pagina iniziale Location da sogno

Spazio Ilisso: la villa museo che parla di arte e storia.

Spazio Ilisso: la villa museo che parla di arte e storia.

Avrete probabilmente notato nella mia pagina relativa ai servizi, che la scelta della location per il vostro ricevimento e – perché no? – anche per la vostra cerimonia, rappresenta una priorità dell’organizzazione del matrimonio, per voi e soprattutto per il wedding planner che la curerà con tutte le dovute attenzioni. Esiste sicuramente nei vostri pensieri un luogo del cuore, oppure un luogo che sognate, come è anche sicuro che ce ne siano altri che non considerate, ma che potrebbero inaspettatamente conquistarvi. 

La prima visita

Ormai più di un anno fa ho visitato per la prima volta una antica villa nel centro di Nuoro a ridosso della celebre Piazza Satta, monumento dal forte carattere e pregio urbanistico, in occasione di una retrospettiva dedicata a Marianne Sin-Pfältzer, fotografa tedesca che col suo lavoro straordinario ha raccontato volti, storie e paesaggi dell’Isola: tante persone erano accorse ad ammirare l’opera di chi (la Casa Editrice Ilisso, col coronamento del suo trentacinquesimo anno di vita), con tanto rigore, dedizione, ricerca e gusto per il bello ha saputo far rinascere da uno stato di completo degrado e abbandono quello che presto può diventare uno dei simboli della città, Spazio Ilisso arte archivi museo, per l’appunto.

Avevo bisogno di una migliore percezione di quelle stanze, quelle scale, quegli elementi architettonici in stile liberty, il ciottolato della corte interna, come dei suggestivi giardini (600 mq totali) che tanto hanno da raccontare a tanti, e potenzialmente a tutti; tuttavia nonostante tutta quella calca (pensate, mancavano solo due mesi prima che la parola “calca” diventasse più pericolosa di quanto si potesse immaginare) la mia immaginazione e la mia curiosità iniziarono e viaggiare assieme, apprezzando l’animo di quel magnifico museo, l’ultimo nato in quella che una ventenne Grazia Deledda definì Atene della Sardegna, in quanto “… paese più colto e battagliero dell’Isola”.

le origini e l'attuale rinascita

Parliamo dunque delle sue origini tra storia e forte richiamo culturale: l’attuale museo della scultura del novecento, come delle arti applicate e della fotografia storica era in origine la casa di Michele Papandrea, sindaco della città partito volontario nonostante i suoi trascorsi di socialista umanitario e di pacifista e ucciso nella battaglia dei Tre Monti nel gennaio del 1918 (come sostiene il prefessore Alberto De Bernardi, autore della prefazione al libro di Marina Moncelsi, “Michele e gli altri. Un sindaco tra i caduti nuoresi della Grande guerra”).

Oggi sculture di grandi artisti come Francesco Ciusa, Costantino Nivola, Pinuccio Sciola, Eugenio Tavolara, Maria Lai, Gavino Tilocca trovano dimora quasi naturale legandola ad essi attraverso diversi file rouge dal solido carattere storico-culturale.

L'intuizione e il progetto

La mia intuizione è scaturita dal suo impareggiabile fascino, capace di maturare in me parte della mia mission, così da voler fortemente iniziare ad ispirare e promuovere non solo il mio stile, ma anche quello dei fornitori che sanno abbracciare il mio modo di lavorare, il mio essere wedding planner.

Così in una fredda giornata di fine dicembre io insieme ad un selezionato gruppo di fornitori principalmente del centro Sardegna abbiamo dato vita a ciò per cui tutti vogliamo lavorare: l’evento nozze, in questo caso declinato in chiave intima e romanticamente essenziale per quanto elegante. Si parla spesso di stili precisi per incasellare la cifra artistica adoperata in lavori di questo genere (avremo modo assieme di approfondirli in un’altra serie di articoli futuri), ma in questo caso il matrimonio come ho voluto immaginare, progettare prima e mettere in scena poi è frutto di diverse influenze compreso (in larga parte) l’ambiente scelto per questo shooting, dove un allestimento artificioso o pomposo potrebbe risultare un eccesso di fronte ad ogni elemento che la stessa Villa sa offrire, dalla neutralità dei suoi colori, agli elementi architettonici, passando per l’impareggiabile rassegna di opere d’arte legate a Nuoro, e le secolari specie botaniche.

Spazio Ilisso è il primo dei luoghi del cuore che Lace & Love Wedding and Events ha scelto per parlare della cultura e della proattività sua città come della sua Sardegna rivolta ad un matrimonio intimo, esclusivo, poco avvezzo agli eccessi,  per quanto attento ad una bellezza inconfondibile difficile da dimenticare.

…e voi conoscevate questa stupenda villa?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *